Passa ai contenuti principali

PropTech

PropTech è la crasi di due termini inglesi "Property" e "Technology", crasi che definisce le soluzioni tecnologiche e gli strumenti per l'innovazione dei processi, dei prodotti e dei servizi nel mercato del real estate.

Sino al 2016 il settore PropTech era praticamente sconosciuto e in Italia ha iniziato a manifestarsi con rilevanza dall'inizio del 2018.

L'evoluzione tecnologica nel campo immobiliare

Una prima fase di adozione delle nuove tecnologie informatiche in ambito immobiliare è collocabile tra il 1980 e il 2000, periodo in cui alcune società operanti nel real estate hanno iniziato ad adottare all'interno delle loro strutture computer e più tardi Internet.  Questa fase viene definita PropTech 1.0

La fase che si estende dal 2001 sino ad'oggi, viene definita PropTech 2.0 ed è caratterizzata dalla comparsa di siti Internet specifici e dedicati al mercato residenziale (portali), piuttosto che specifiche piattaforme o software creati per i professionisti del settore.

Il PropTech 3.0, fase del prossimo futuro, si baserà sullo sviluppo e l'utilizzo della tecnologia Blockchain, della realtà virtuale, dell'intelligenza artificiale, del machine learning e dei big data in ambito immobiliare.

Agenzie Immobiliari e PropTech

L'agente immobiliare diventa "ibrido" (e online) con l'adozione di nuove tecnologie e segue la trasformazione del fenomeno PropTech.

Una delle ultime indagini svolte dalla società RockAgent ha evidenziato, tra un ampio numero di intervistati (esclusivamente Agenti Immobiliari), come il 37% di questi sia convinto che chi non sarà in grado di adottare strumenti innovativi per praticare la professione, vedrà ridursi drasticamente il fatturato annuale.

L'utilizzo di nuove tecnologie permette e permetterà sempre di più, di far risparmiare tempo all'Agente Immobiliare, tecnologie che si avvicineranno sempre più alle esigenze degli acquirenti e dei venditori.

L'evoluzione e la nascita di startup che hanno come obiettivo la disintermediazione grazie ad Internet (vedi HomePal), sta affermando il modello dell'Agenzia Immobiliare ibrida, ovvero, un'Agenzia estremamente orientata all'online ma che non abbandona il suo ruolo di referente di zona per l'intermediazione. Un'Agenzia che necessita di supporto di nuovi attori in grado di aiutarla nell'approccio ad un mercato sempre più digitale.

Questo nuovo modello trasforma inevitabilmente anche la formula del franchising che vede il franchisor non più come fornitore di servizi esclusivamente dedicati all'operatività giornaliera, ma che fornisce all'affiliato consulenze tecnologiche specifiche per la proposizione delle offerte.

La Blockchain e l'Agenzia Immobiliare

Una delle tecnologie che caratterizzeranno la fase del PropTech 3.0 sarà la Blockchain. Nata nel 2006 grazie a Satoshi Nakamoto che l'ha creata per il suo sistema di pagamento digitale Bitcoin (BTC), oggi si è evoluta ed è in grado di gestire contratti smart capaci di registrare caratteristiche di una proprietà, un trasferimento di denaro o di velocizzare un processo di vendita.

Grazie alle sue caratteristiche di decentralizzazione, instoppabilità, trasparenza, la Blockchain aiuterà a snellire buona parte della burocrazia presente in una trattativa di compravendita immobiliare.

Nel suo utilizzo più estremo, la Blockchain, sarà in grado anche di creare disintermediazone gestendo e certficando passo a passo le procedure di caratterizzazione dell'immobile, identificazione del venditore e del proprietario, registrazione della proposta / delle controfferte / accettazione, conclusione dell'affare.

In quest'ultimo caso, l'Agente immobiliare dovrà necessariamente stravolgere il suo ruolo e i suoi rapporti con la clientela.

Non si analizza in questo articolo la tokenizzazione immobiliare in quanto già trattata nell'articolo all'indirizzo https://blog.miogest.com/2020/02/la-blockchain-e-utile-al-mercato.html oppure all'indirizzo https://blog.miogest.com/2020/01/in-italia-una-delle-prime.html

Intelligenza artificiale per il real estate

Attualmente utilizzata in minima parte da alcuni portali immobiliari, l'intelligenza artificiale, sarà una compnente fondamentale del PropTech 3.0.

Questa tecnologia sarà sempre più utilizzata dagli algoritmi di valutazione degli immobili, anche e soprattutto, per lo studio delle esigenze relative alla clientela ricercante.

Gestionali e portali immobiliari attiggeranno sempre più ai big data auto generati dai loro clienti Agenti Immobiliari che avranno la possibilità di distribuire non tanto il dato puro della clientela ma quello che questo genera a livello tipologie di ricerche, comportamenti di acquisto, orientamento a vari stili di vendita. Il tutto anonimamente e nel perfetto rispetto della privacy.

In conclusione

Il decennio 2020 2030 sarà caratterizzato dal PropTech e dalla nuova Internet "del valore" che si sta definendo e crescendo giorno dopo giorno.

Le Agenzie Immobiliari che più sapranno trasformarsi, allinearsi alle nuove tecnologie e modificheranno i processi di lavoro vedranno prosperare il loro business.

Le altre faticheranno a rincorrere con sistemi datati e non più funzionali, la clientela che inevitabilmente sarà sempre più preparata e circondata da informazioni sempre più dettagliate sugli immobili che vogliono acquistare.

#proptech #agenziaimmobiliare #agenteimmobiliare #immobiliare #ai #realestate

Commenti

Post popolari in questo blog

L'Agente Immobiliare Cliente di Miogest al tempo del Coronavirus.

Straccia il contratto, passa a Miogest.com Gratis.

Siamo FIERI di voi Agenti Immobiliari!